Osteria Volpaia di Radda in Chianti (SI)

Eccomi tornato a scrivere dopo un po' di tempo in cui ero preso da diversi impegni, ma tranquilli, la voglia di mangiare bene non mi è mai passata, anzi, la bilancia dice il contrario e le novità in campo ristorativo non mancano affatto. Eccone una davvero interessante, l'Osteria di Volpaia, sita in uno splendido borgo chiantigiano a due passi da Radda in Chianti


E' l'osteria di proprietà dell'omonima azienda agricola che produce Chianti Classico e non solo, infatti la proprietà ha anche altre realtà vitivinicole sparse in tutta Italia e nella carta dei vini si bevono solo i loro (buoni) prodotti.


L'interno ricavato nel corpo principale del borgo, si presenta rustico elegante con un bellissimo pavimento in mattoni. L'aria che si respira è di completo relax e chi viene da queste parti è quello che richiede. In cucina troviamo il bravo e giovanissimo chef colombiano Juan Camilo Quintero, il quale, dopo la scuola alberghiera frequentata in sud America, si presenta a Pollenzo per approfondire la cultura gastronomica e fra i suoi passaggi in cucine famose, si può annoverare sicuramente Massimo Bottura dell'Osteria Francescana di Modena. Ecco quindi che il menu non è affatto scontato e presenta diversi piatti curiosi e interessanti.


Nell'attesa delle nostre scelte, ci arrivano un paio di benvenuti gradevoli, come il cubo di cecina, oppure ancor di più la piccola cornucopia di pasta fritta con dentro una mousse di porcini.


Noi che non avevamo problemi di appetito, abbiamo scelto un po' tutto, dall'antipasto al dessert e la partenza è stata più che positiva. In quattro abbiamo preso ovviamente antipasti diversi, così per assaggiare tutto. Il Parfait di fegatini di pollo e pistacchi di Bronte si presenta come praline da gustare con le mani.


L'ottimo Crudo di Manzo con senape, pecorino e olio al tartufo si presenta come un quadro (mi dispiace per la foto venuta male e non rende merito alla bellezza di tale presentazione).


Il Polpo alla griglia con patate dolci avocado e quinoa croccante che ho preso io, aveva un sapore avvolgente, con tutta la cremosità delle patate e avocado.


Più originale ancora, l'ultimo antipasto, la Tartare di Barbabietola con uvetta al vinsanto, gorgonzola e soia bio. Non inganni il colore forse troppo cupo, perché il sapore c'era eccome.


Riguardo ai primi piatti, io ho spesso vado ad istinto e anche stavolta ho avuto ragione perché i Tortelli neri di zucca, con calamari porro e cocco oltre ad essere presentati molto bene, sono stati il mio piatto della serata. Sono un grande amante della pasta e quando la sfoglia è tirata bene, giustamente consistente e il ripieno gustoso senza essere troppo invadente, siamo già un passo avanti. Se poi trovo la crema equilibratissima, allora siamo di fronte ad un gran piatto.


I miei amici invece hanno optato per i più classici Ravioli ripieni di anatra arrosto, pure questi di buona fattura serviti con un fresco burro agli agrumi.


Anche il capitolo secondi, ha spunti interessanti. Avevo già provato durante una mia prima visita, il Maialino allo spiedo, servito in questo caso con fichi secchi, purea di carote e cumino. Anche qui ottima presentazione e grande gusto.


Il mio Agnello brasato e castagne, servito con patate all'ortica e crema di zucchine, era bello cremoso, come si può vedere già dalla foto. L'agnello cotto per molte ore a bassa temperatura, ha mantenuto una buona consistenza e ottimo sapore.


Ottima conclusione di serata con il dessert che ho scelto: Crema di cioccolato al latte e banana cake.


Come detto in precedenza, si bevono i vini delle aziende di proprietà del locale. La nostra scelta è rimasta fedele alla zona, con il fresco e pulito, anche se non persistente, Chianti Classico 2013 di Volpaia.


Prima di andare via e di salutare calorosamente lo chef, che ha ottimi programmi per il prossimo anno, ci congediamo con la piccola pasticceria, dove svetta l'ottima Madeleine servita in un mini vasetto di coccio.


La cena è stata ottima, sotto molti punti di vista e anche se ora chiuderanno per le meritate ferie, abbiamo la curiosità di tornare a primavera per conoscere i programmi di Juan Camilo Quintero, il bravissimo e simpatico chef.

La spesa media per un pasto in questo splendido locale è di circa 35/37 euro vini esclusi. Rapporto qualità prezzo davvero interessante.


Osteria Volpaia
Località Volpaia
53017 Radda in Chianti (SI)
Tel. +390577738066
sito internet: http://www.osteriavolpaia.it/
Chiuso il mercoledì
da novembre a marzo per ferie


Commenti

Post popolari in questo blog

Pizzeria Montegrigna by Tric Trac di Legnano (MI)

Love Eat di Castellanza (VA)

BruciaBarrique di Gallarate (VA) Ci voleva tanto?

Ristorante Alusea a Silvi Marina (TE)

La Cucina del Toro di Milano