Da GiOvaNni di QuiNciNetTo (TO)


Il passaparola è rimasto nel tempo il miglior strumento di diffusione di indirizzi preziosi, non lo scalfiscono blog, riviste e giornali, lui rimane lì fedele a se stesso, in atteso che qualcuno sfrutti l'occasione e ne tragga beneficio.

Mi son trovato in quelle terre che tanto amo che stanno a cavallo tra Piemonte e Valle d'Aosta, nella culla del nebbiolo sussurrato nei profumi ma dalla vena minerale inaudita, capace come pochi di raccontare un territorio aspro che regala alla viticultura fazzoletti di terra impervi, siamo a Carema dove la cooperativa dei produttori di questa enclave "nebbiolista" e Roberto Ferrando regalano perle di inestimabile valore agli amanti del genere.


Sono anni che vengo da queste parti ed il primo pensiero è sempre stato rivolto al vino più che al cibo - cosa un tempo rara per il sottoscritto - e così mi sono ritrovato in giorni feriali a pranzare dove capitava, più per sfamarmi che per godere.

Prima o poi proverò quello ritenuti da molti il migliore in zona, quel Ramo Verde sempre trovato chiuso nei miei orari di passaggio. Così ho decido di seguire la dritta datami dalla gentile Selena della Cantina dei produttori di Carema.

Ed ecco che, dopo aver fatto acquisti da Ferrando ed assaggiato una riserva 13 dei produttori già in discreta forma nonostante la dichiarata gioventù ed un classico 14 ancora un po' crudo e spigoloso, mi sono immergo nelle sale del Ristorante Da Giovanni nel paese di Quincinetto, a pochi minuti - giusto una manciata - dall'uscita autostradale.

Classico ristorante per famiglie, dalla vena tradizionale nel servizio, nell'arredamento e soprattutto in cucina con prezzi che allietano la vista ed il portafoglio.
Parto da questi. Un plauso, davvero sincero, per l'estrema correttezza della responsabile di sala che mi ha permesso di assaggiare due piatti, uno dal menu alla carta e uno del giorno alla cifra irrisoria di 14 euro, chapeau.

Una carta dei vini che parla ovviamente Piemontese, e che ahimè vedeva molte etichette del territorio in aggiornamento/approvvigionamento, dalla quale ho estrapolato un onesto nebbiolo del canavese...


Forse un filo troppo veloce il servizio lampo - avranno pensato fossi un lavoratore - per un "uno-due" dei seguenti piatti:

Agnolotti alla piemontese, buone le consistenze di pasta e ripieno. Forse mancano un filo di sapidità ma risultano gradevoli


Interiora di agnello e patate. Piatto gustoso, semplice e senza artifici.

Una tavola confortante e lineare, che ha saputo mantenere le aspettative e da riassaggiare con più calma.

Luca Formenti

Ristorante da Giovanni
Via Fontanariola, 3 
10010 Quincinetto TO 
Telefono: 0125 757447

Commenti

Post popolari in questo blog

Pizzeria Montegrigna by Tric Trac di Legnano (MI)

BruciaBarrique di Gallarate (VA) Ci voleva tanto?

Gustoo di Busto Arsizio (VA)